45 anni Golf GTI

La storia del successo della GTI in Svizzera.



VW_Golf GTI 45_2_media_high


  • La prima Golf GTI arrivò in Svizzera nel luglio del 1976.
  • Nei successivi 45 anni sono state vendute in Svizzera quasi 140’000 Golf GTI.
  • In occasione di questo anniversario, Volkswagen presenta l’edizione esclusiva «Clubsport 45» da 300 CV.
  • Ancora più dinamismo grazie al sistema di regolazione della dinamica di guida e al bloccaggio del differenziale anteriore collegato.
  • Il modello dell’anniversario «Clubsport 45» della Golf GTI è ora disponibile presso i partner Volkswagen per un giro di prova.
Cham - La prima Golf GTI arrivò in Svizzera nel luglio del 1976. Allora nessuno alla Volkswagen poteva immaginare che la Golf GTI sarebbe diventata la sportiva compatta più amata del mondo. Eppure è andata proprio così: i 5000 esemplari previsti all’inizio sono diventati oltre 2,2 milioni venduti fino a fine giugno 2021, di cui 139’033 in Svizzera. Ora Volkswagen celebra il 45° compleanno dell’iconico veicolo con un modello speciale per l’anniversario: la Golf GTI «Clubsport 45», un’edizione esclusiva basata sulla Golf GTI «Clubsport» da 300 CV. Le possibilità di personalizzazione rendono la «Clubsport 45» un pezzo da collezione fin dall’acquisto. Il modello dell’anniversario con il suo equipaggiamento speciale completo è ordinabile da subito in Svizzera a CHF 54’200.–.


Nello stabilimento Volkswagen di Wolfsburg sono state prodotte finora più di 2,2 milioni di Golf GTI, vendute poi in tutto il mondo. All’epoca, nel settembre del 1975, nessuno poteva immaginare la storia di successo che il futuro aveva in serbo. Erano previsti 5000 esemplari, ma per la Golf I GTI ne vennero costruiti circa 462’000. Una storia strabiliante. Ma come si è ottenuto un tale risultato? Nel 1974 un ristretto gruppo di uomini, tra cui Anton Konrad, all’epoca capo del servizio stampa Volkswagen, forgiò un piano segreto: sviluppare una «Sport Golf». Non esisteva ancora alcun incarico di sviluppo, ma il direttore tecnico Hermann Hablitzel si prese a cuore il progetto. Vennero creati i primi prototipi. Tra le altre caratteristiche, spiccava il motore alimentato a carburatore da 100 CV. All’inizio del marzo 1975, Hablitzel presentò ufficialmente il progetto «Sport Golf» al presidente del consiglio direttivo Toni Schmücker. E il presidente lo approvò.
E così, da una «Sport Golf» elaborata in gran segreto, si giunse all’incarico di sviluppo ufficiale: EA195. Vennero definite anche le tempistiche, con scadenze molto ambiziose: la prima mondiale si sarebbe dovuta tenere già nel mese di settembre dello stesso anno al Salone internazionale dell’automobile (IAA) di Francoforte. Il progetto cominciò a prendere velocità. Un ulteriore e decisivo passo avanti per l’EA195 fu rappresentato dalla scelta definitiva della propulsione adatta: un motore a iniezione elettronica da 110 CV. Tuttavia, la Super-Golf non era ancora stata battezzata. Si soppesarono diverse opzioni, come TS e GTS. Infine il nome prescelto fu GTI.
Nel frattempo il capo design Herbert Schäfer, appassionato golfista, reinventò il pomello del cambio avvitando semplicemente una pallina da golf sull’asta del cambio della GTI. La presentazione mondiale del 1975 all’IAA di Francoforte consacrò il successo della Golf GTI. Volkswagen godette immediatamente di un eco mediatico enorme: tutti volevano la Golf GTI. E la ottennero: a giugno 1976 cominciò la vendita della prima Golf GTI in Germania, che poi arrivò anche sul mercato svizzero un mese dopo.
Né Konrad, né Hablitzel e nemmeno Schmücker avevano previsto che questa velocissima Golf GTI, capace di sfrecciare a 182 km/h, con i passaruota allargati neri, il lunotto con cornice nera, la calandra incorniciata di rosso, i sedili sportivi con motivo scozzese, la pallina da golf sul cambio e il volante sportivo «con sputacchiera» ottenesse un successo così grande e diventasse la sportiva compatta più popolare al mondo, mantenendo il primato fino ad oggi.
Tra il 1976 e il 1984 furono venduti in Svizzera 33’147 esemplari della Golf GTI I
.
Golf II GTI: il veicolo geniale con un massimo di 160 CV Il vero colpo di genio sul piano strategico arrivò agli inizi del 1984 con la Golf GTI II. Mantenendo la potenza dei suoi 112 CV, seguì la scia della prima generazione dal punto di vista concettuale e nel DNA del suo design. I tratti tipici della GTI, in particolare la striscia rossa sulla calandra e il motivo scozzese dei sedili sportivi, vennero definitivamente consacrati come cult. Un veicolo nato da poco si trasformò così in un’auto iconica. Nel 1984, la potenza venne leggermente ridotta passando a 107 CV, a causa dell’introduzione del catalizzatore. Due anni dopo, però, Volkswagen compensò la perdita di potenza con un nuovo motore a 16V, che con i suoi 129 CV cat. richiamava l’agilità della GTI originaria (139 CV senza cat.). Nel 1990, grazie all’inserimento di un compressore G-Lader, la Golf GTI G60 aumentò la propria potenza, raggiungendo i 160 CV.
Tra il 1984 e il 1991 vennero venduti in Svizzera 43’761 veicoli Golf GTI II.

Nuova Golf GTI III con quattro tempi e 150 CV Nel 1991, Volkswagen decise di trasferire i tratti distintivi della GTI nella terza generazione. I doppi fari della seconda generazione GTI scomparvero, per lasciare spazio a un solo faro principale comune. Sul piano della potenza, si partiva da 115 CV. Un anno dopo, la performance del motore aumentò radicalmente con un nuovo quattro tempi da 150 CV. Nel 1996 una versione turbodiesel (TDI) da 110 CV ampliò la famiglia delle GTI; qualche anno dopo, Otto e Diesel si sarebbero definitivamente separate in GTI e GTD. Sempre nel 1996 venne introdotto sul mercato anche il modello dell’anniversario «20 anni di GTI».
Tra il 1991 e il 1998 vennero venduti in Svizzera 26’545 veicoli Golf GTI III.

Golf GTI IV: un modello cult da 180 CV La quarta generazione della GTI, introdotta nel 1998, appariva più modesta, rinunciando ad esempio come prima ed unica GTI alla striscia rossa sulla calandra. Nonostante questo, il veicolo era una perla di design e viene celebrato oggi come punto di partenza di una nuova epoca per auto dall’aspetto più lineare.
A livello tecnico la Golf GTI IV, con una potenza di 150 CV, offriva agilità e qualità tali da tenere a debita distanza la concorrenza. I motori a benzina da quattro e cinque cilindri arrivavano a 170 CV, il diesel portava la potenza fino ad un massimo di 150 CV. Nel 2001, Volkswagen festeggiò il primo quarto di secolo dell’iconica auto con un modello speciale, la «25 anni di GTI» con motore turbo da 180 CV.
Tra il 1998 e il 2003 vennero venduti in Svizzera 19’231 veicoli Golf GTI IV.
Golf GTI V: un grande ritorno, fino a 230 CV Con una versione studio della quinta generazione di Golf GTI, Volkswagen presentò all’IAA del settembre 2003 un glorioso ritorno alla ribalta del classico modello. Più che mai, con questa nuova generazione l’abbreviazione GTI diventò sinonimo di dinamica di guida compatta. A settembre 2004 Volkswagen portò la versione di serie al salone di Parigi, per poi cominciare la commercializzazione della quinta Golf GTI a novembre. Segno distintivo? Un’estetica decisamente più accentuata, un motore turbo da 200 CV e caratteristiche di guida eccellenti. Con questa auto sportiva, Volkswagen spianò la strada alla GTI del futuro.
Si facevano notare per l’aspetto particolarmente incisivo i nuovi cerchioni dal design «Denver» e la calandra nera con scanalatura a V. Il motore turbo garantiva la velocità: in soli 7,2 secondi portava la GTI fino a 100 km/h; con la doppia frizione DSG, il tempo di accelerazione veniva ulteriormente ridotto a 6,9 secondi. La velocità massima del veicolo veniva raggiunta solo a 235 km/h. Lo slogan del primo volantino recitava: «Lo sport agonistico non è mai stato così divertente. Per il 30o compleanno della sportiva cult, nel 2006 l’inventore della GTI regala ai suoi fan un nuovo modello: «30 anni di GTI», da 230 CV». Con lo stesso motore, nel 2007 comparve la reincarnazione della «GTI Pirelli».
Tra il 2004 e il 2009 vennero venduti in Svizzera 6406 veicoli Golf GTI V.

Golf GTI VI: leggerissimo peso per unità di potenza e fino a 235 CV Nel 2009 arrivò la sesta Golf GTI. La microfinitura venne eseguita addirittura dal leggendario pilota Hans-Joachim Stuck. Questa nuova generazione era rappresentata da una Golf GTI capace di ridefinire il concetto di trazione tramite il blocco del differenziale elettronico (XDS).
Una GTI che raggiunge la velocità di 240 km/h e che rende la guida un autentico divertimento grazie al motore turbo da 210 CV. Una GTI la cui dinamica si sente, grazie al generatore di suono e un impianto di scarico reinventato (con un terminale a sinistra e uno a destra). Una GTI che porta la versione originaria nel futuro, restando coerente con la tradizione. Nel 2011 venne inoltre presentata per la prima volta in versione Cabrio.
L’apice del successo di questa generazione fu raggiunto nel 2011, al 35o anniversario: la «Golf GTI Edition 35» da 235 CV. Volkswagen presentò la nuova ammiraglia GTI sulla pista del Nürburgring, dove con i suoi 235 CV sfiorò per la prima volta i 250 km/h: per la precisione, arrivò ai 247 km/h. Il peso per unità di potenza era di 6 kg/CV, aspetto che rese la GTI più agile che mai e in grado di raggiungere i 100 km/h in soli 6,6 secondi.
Tra il 2009 e il 2013 vennero venduti in Svizzera 4356* veicoli Golf GTI VI. *Negli anni 2014, 2015 e 2016 furono vendute inoltre anche 42 Golf GTI VI.

Golf GTI VII: in perfetta forma con un massimo di 310 CV All’inizio del 2013 venne concepita la settima generazione GTI con due gamme di potenza. Volkswagen presentò la nuova Golf GTI ai media internazionali a St. Tropez. Il nuovo modello prevedeva direttamente due gamme di potenza: 162 kW/220 CV per la versione di base, 169 kW/230 CV per la Golf GTI Performance.
Quest’ultima era dotata per la prima volta di un blocco del differenziale per l’asse motore anteriore. Un’altra novità: la Golf GTI venne basata sulla piattaforma modulare trasversale (MQB). La nuova piattaforma tecnica rese la GTI più leggera di circa 42 kg rispetto al modello precedente, conferendole una guida ancora più dinamica.
La versione da 230 CV fu la prima Golf GTI con cambio manuale a raggiungere i 250 km/h. Partendo da questi presupposti, a novembre 2015 venne organizzata sul circuito di Portimão la presentazione della potente Golf GTI Clubsport da 213 kW/290 CV con Boost, modello che venne introdotto sul mercato nel 2016 e le cui prestazioni si avvicinavano notevolmente a quelle di un’auto da corsa. Per lo sprint fino ai 100 km/h sono necessari solo 5,9 secondi. Un anno più tardi, i confini con la corsa sportiva vennero cancellati definitivamente grazie alla Golf GTI Clubsport S da 228 kW/310 CV: nella primavera del 2016 Benjamin Leuchter, autista professionista di Volkswagen, polverizzò il record sulla pista Nordschleife del Nürburgring per le auto a trazione anteriore, percorrendola con la Golf GTI Clubsport S a 265 km/h in soli 07:49:21 minuti. Un regalo meraviglioso per il quarantesimo compleanno della Golf GTI.
Tra il 2013 e il 2021 sono stati venduti in Svizzera 5040 veicoli Golf GTI VII.

Golf GTI VIII: motore turbo e dinamica di guida Proprio come i suoi predecessori, anche l’ultima versione della Golf GTI sfoggia funzionalità tecniche all’avanguardia. Il motore turbo eroga ora una potenza di 180 kW/245 CV con una coppia di 370 Nm. Il nuovo sistema di regolazione della dinamica di guida connesso in rete offre ancor più agilità e sportività. Il sistema coordina dall’alto a livello centrale le funzioni elettromeccaniche del telaio.
Come optional è stato introdotto un telaio adattivo (DCC) con ammortizzatori regolabili, per offrire al conducente della GTI la possibilità di scegliere l’assetto più adatto con l’aiuto della selezione del profilo di guida di serie. Il risultato di tutto ciò è stata un’esperienza di guida ancor più precisa.
Con l’apertura delle porte si accendono anche i display digitali del «Digital Cockpit» e del sistema di infotainment di serie. Anche il «Discover Media» comprensivo di streaming e Internet fa parte della dotazione di serie, mentre per completare il quadro è disponibile come optional il sistema «Discover Pro» da 10 pollici. Il nuovo «design GTI» attivabile e personalizzato mostra il contagiri al centro del «Digital Cockpit Pro». La nuova luce ambiente di serie illumina i display e molte altre sezioni degli interni inondandole di luce, in uno spettro di 30 colori liberamente configurabili.
Tra la primavera 2021 e la fine di giugno 2021 sono stati venduti in Svizzera 547 veicoli Golf GTI VIII.

Modello dell’anniversario Golf GTI «Clubsport 45» Nel luglio 1976, esattamente 45 anni fa, la Golf GTI fece la sua comparsa per la prima volta nei locali di vendita dei concessionari Volkswagen in Svizzera. Proprio in occasione del 45o compleanno dell’iconica auto, il modello dell’anniversario celebra questo mese il suo debutto sul mercato svizzero con la Golf GTI «Clubsport 45», un’edizione esclusiva basata sulla Golf GTI «Clubsport» da 300 CV.
La nuova «Clubsport 45» conquista grazie al suo equipaggiamento personalizzato: ad attirare l’attenzione è soprattutto il tetto verniciato in nero con spoiler sul bordo dello stesso colore, in omaggio alla cornice nera del lunotto posteriore della prima Golf GTI. Grazie al pacchetto «Race», disponibile di serie in esclusiva per la Golf GTI «Clubsport 45», nell’equipaggiamento sono inclusi anche i cerchi in lega leggera da 19 pollici «Scottsdale», che colpiscono per il colore nero brillante con sottili righe smaltate sul bordo del cerchione in «Tornado Red».
Il pacchetto «Race» comprende anche altri dettagli: l’impianto di scarico sportivo Akrapovič, l’omologazione Vmax nonché le scritte sulle minigonne laterali e un «45» in aggiunta alla scritta sul portellone posteriore. Per di più, la serie «Clubsport 45» sfoggia anche fari a LED Matrix IQ.Light, impreziositi dalla tipica striscia decorativa rossa delle GTI.
Anche nell’abitacolo si ritrovano i classici segni distintivi targati GTI. Un altro dettaglio di pregio sono le scritte GTI sugli schienali dei sedili anteriori Top Sport. Il volante sportivo multifunzionale è impreziosito da un «45» in corrispondenza del raggio centrale (a ore 6).
L’edizione speciale Golf GTI «Clubsport 45», che pur essendo nuova è già un pezzo da collezione, costa CHF 54’200.–.
Il modello base Golf GTI «Clubsport» è disponibile già a partire da CHF 50’200.–. Entrambi i modelli «Clubsport» sono a disposizione fin da subito presso i partner Volkswagen svizzeri per un giro di prova.

Fonte: media-corner.ch